Scopri il Salento

RICHIEDI UN PREVENTIVO

Cosa vedere a Nardò

Icon 26 Luglio 2019

Tra le città salentine di maggior fascino e interesse spicca Nardò, che non è soltanto la seconda città più popolosa della provincia di Lecce, con i suoi 35 mila abitanti, ma è anche una realtà davvero ricca di storia, cultura ed arte.

Quali sono i luoghi imperdibili nel corso di una vacanza in questa località salentina, quelli che meritano di essere inseriti nel proprio itinerario?

Cosa vedere a Nardò

La prima zona di Nardò da visitare e subito capace di conquistare ogni viaggiatore è quella del centro storico, una delle più affascinanti di tutta la zona del Salento.

Prima di addentrarsi nella sua scoperta vale però la pena fermarsi ad ammirare il Tempietto dell’Osanna: questa costruzione risale al periodo in cui lo stile architettonico dominante era il barocco e negli ultimi anni è stato oggetto di una serie di opere di restauro che gli hanno restituito l’antica bellezza.

Successivamente si può ammirare Piazza Antonio Salandra, da cui si può dire parta il centro storico di Nardò. Nei suoi pressi trova posto il Teatro Comunale, la cui costruzione è avvenuta nel corso del XIX^ secolo.

Nella zona centrale della piazza trova invece posto la guglia dell’Immacolata: la sua altezza certificata è di 19 metri, e una delle sue particolarità più affascinanti sta nel fatto che è stata totalmente costruita usando il carparo, che per chi non lo sapesse è una pietra che si trova a Nardò. Nel punto più alto della guglia si trova la statua della Madonna Immacolata, che risale alla seconda metà del 1700.

Altri luoghi simbolo di Nardò

Continuando nella scoperta di Nardò, va citato il Palazzo della Pretura, un altro bellissimo esempio del barocco salentino.

Parlando dei luoghi di culto che caratterizzano Nardò, si deve poi trovare il tempo per poter ammirare la Cattedrale di Santa Maria Assunta, ovvero l’edificio religioso più importante della città. Infine, merita una menzione il Castello Aragonese: oggi è simbolo delle autorità comunali ed è, fin dalla sua costruzione, uno dei luoghi più interessanti tra quelli che si possono scoprire a Nardò.