Blog

31 Mag

L’anfiteatro e il Teatro: testimonianze dell’antica Lupiae romana

Il Salento è noto per le sue splendide spiagge e i lidi nascosti che creano dei paesaggi davvero suggestivi. Questa meravigliosa terra offre anche un patrimonio storico culturale molto importante.

Soprannominato il Tacco d’Italia, il Salento si trova all’interno della macchia mediterranea che ha consentito lo sviluppo di varie attività contadine e la coltivazione degli alberi di ulivo nel territorio. Le sue origini sono da ricercare negli antichi Greci, ma sono stati i romani che hanno portato alla luce tutte le sue particolarità fra cui strade, vie commerciali, sviluppo di nuove città e la creazione del porto di Brindisi.

Il Salento ebbe anche diverse incursioni da parte dei Saraceni, ma fu con i Normanni che il territorio venne denominato la Terra d’Otranto. I centri cittadini si caratterizzano per il colore bianco con le porte di colori più vivi, tipici delle abitazioni del Sud Italia.

Questa terra è ricca di folklore, impossibile non citare la taranta, un ballo talmente sfrenato che risulta impossibile rimanere fermi.

Il Salento accoglie tutti i visitatori che hanno voglia di scoprire i segreti e le tradizioni di questo gioiello del Bel Paese.

27 Mag

L’incantevole Spiaggia della Purità a Gallipoli

Il Salento è ricco di scorci meravigliosi per trascorrere delle vacanze sia all’insegna del relax con la propria famiglia che del divertimento con i propri amici.

Meta preferita dai turisti è la città di Gallipoli, la perla del Salento, con il ricco patrimonio storico artistico e le splendide spiagge che le attribuiscono la fama di questo nome.

Gallipoli permette ai suoi ospiti di godere di un’ottima vista, di assaporare i sapori e odori di una terra ricca di delizie: qui trascorrete dei momenti davvero indimenticabili che non vi faranno sentire la mancanza di casa.

23 Mag

Le guardiane del Salento: scopri le torri costiere

Il Salento è una terra ricca di paesaggi mozzafiato di cui non vorrete più fare a meno per la scelta delle vostre vacanze estive.

La storia del Salento è ricca di cinte murarie, borghi, castelli che in epoca Barocca venivano edificati secondo un ordine architettonico che ancora oggi riecheggia nei resti rinvenuti. Le famose torri che caratterizzano questa terra hanno avuto un ruolo preponderante per gli abitanti, erano infatti l’unico mezzo per difendere il centro città dall’assedio dei pirati e dall’esercito turco.

17 Mag

Alla scoperta del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano

Il Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano è una località geografica protetta, che si trova in Puglia, nella provincia di Lecce.

Si tratta di un ambiente meraviglioso in cui la natura lascia spazio a una grande varietà di flora e fauna: proprio per questo motivo è stato inserito tra i sette posti da salvare secondo il Fondo Ambiente Italiano. Se vi siete incuriositi e desiderate saperne di più questo articolo fa al caso vostro.

12 Mag

Bandiere Blu 2021: ecco le località salentine premiate

La Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale molto importante, attribuito alle spiagge e alle località marittime ogni anno. Generalmente, uno dei criteri per ricevere questo ambito premio è legato alla sostenibilità ambientale, dunque alla sua gestione, alla pulizia delle acque e ai servizi e alla sicurezza offerti.

Il meraviglioso Salento, nel 2021, ha ricevuto numerose Bandiere Blu per alcune sue località e se siete curiosi di sapere quali siano continuate a leggere il nostro articolo.

30 Apr

Il meraviglioso mosaico monumentale della cattedrale di Otranto

Otranto, località della Puglia che si affaccia sul mare Adriatico con chilometri di spiagge e scogliere, è una località affascinante per vacanze all’insegna della cultura.

Uno dei monumenti più famosi è la Cattedrale: Cattedrale di Santa Maria Annunziata, chiamata comunemente anche Cattedrale di Otranto. Si erge nel centro storico della città, a due passi dal mare e dal Castello Aragonese, altro monumento di notevole importanza.

29 Apr

Tutti pazzi per i tuffi: ecco 4 luoghi da non perdere in Salento

L’adrenalina che pervade il corpo, la pelle percorsa da mille brividi, la sensazione di volare nel momento in cui con coraggio le ginocchia si piegano, i piedi si staccano da terra e si salta giù nel vuoto. Il fiato sospeso, il cuore che batte all’impazzata e poi la freschezza dell’acqua che violentemente bagna tutto il corpo e nella mente solo la voglia di rifarlo ancora.

Quando ci si tuffa si provano emozioni piccole e sorprendenti in pochi secondi, quindi perché non armarsi di coraggio e buttarsi? Per questo il Salento, tra tante meraviglie, offre alte scogliere e un mare cristallino in cui tuffarsi. Sono soprattutto quattro i luoghi che gli amanti di tuffi devono vistare senza alcun dubbio, assaporando a pieno la bellezza del territorio salentino.

E allora “tuffiamoci” per scoprirli insieme.

26 Apr

Alla scoperta del borgo di Ruffano

Il borgo di Ruffano è una meta turistica gioiello della Puglia Meridionale.

La località salentina si fa portatrice di una sofisticata bellezza percepibile attraverso più prospetti sensoriali. I colori dei suoi vicoli, i suoni delle frasce cullate dal vento e l’odore della terra bruciata dal sole danno origine ad una esperienza unica.

Unica in virtù delle sensazioni suscitate dall’armonia e dalla pace propria all’ambiente salentino e all’arte di Ruffano.

22 Apr

Cosa mangiare durante una Vacanza in Salento

Adorato in particolare per le incantevoli spiagge e per il suo mare cristallino, il Salento è una terra ricca di cultura e di tradizioni culinarie.

Le specialità tipiche sono rinomate in tutta Italia, e in molti Paesi del Mondo, per la loro caratteristica cucina povera ma sorprendente. Ogni piatto è una scoperta e il gusto è assicurato.

20 Apr

Le Torri Colombaie del Salento

“Salentu: lu sule, lu mare e lu ientu”: è così che viene riconosciuto il territorio alla punta del tacco d’Italia.

Il Salento, come ogni località che si rispetti, possiede le sue peculiarità e i suoi affascinanti misteri, che permettono di immergersi nella storia dei popoli che sin dall’antichità lo hanno abitato.

Saprete sicuramente di cosa parliamo, basta nominare i Trulli di Alberobello, conosciuti in tutto il mondo, ma avete mai sentito parlare delle torri colombaie del Salento? Alla fine di questo nostro piccolo viaggio sarete sicuramente stupiti dal fatto che queste torri sono tanto affascinanti quanto quelle piccole casette in pietra secca e dal tetto a punta di Alberobello.

Quindi perché non scoprirne di più?

santuario leuca
24 Mar

Il Santuario dei due Mari: ecco la Basilica di Santa Maria de Finibus Terrae a Leuca

Leuca rappresentava per gli antichi la fine del mondo, la parte estrema e misteriosa di un universo perduto che oggi sembra riprendere vita ad ogni scorcio.

In questo luogo, infatti, si salgono delle scalinate che sembrano guardare meravigliate i due mari, Ionio e Adriatico, che si abbracciano e si mescolano da secoli con la stessa passione. Ma non solo mare, Leuca rappresenta un ponte sul Mediterraneo, il punto d’incontro tra due popoli e culture, occidentale e orientale.

Non stupisce, per questo, trovare uno dei simboli più antichi della cristianità, la Basilica di Santa Maria de Finibus Terrae, il Santuario dei due Mari.

castello otranto
17 Mar

Il Maestoso Castello Aragonese a Otranto

Costruito alla fine del XV secolo per volere del duca Alfonso I d’Aragona, il Castello nacque come nuova roccaforte, posta a difesa della città, sui resti di un’antica fortificazione distrutta dopo l’attacco turco del 1480.

Oggi, il Castello domina ancora sul centro storico di Otranto e abbraccia l’intero borgo antico, quasi a volerlo ancora proteggere dalle minacce provenienti dall’immenso mare cristallino.

corigliano
10 Mar

Alla scoperta della Grecìa Salentina

La penisola italica, tra le tante meraviglie che la compongono, vanta anche di una terra brillante, dove la cultura è letteralmente infinita: la Grecìa Salentina.

Quando si parla della Grecìa Salentina, si intende un’isola pugliese, in Salento, composta da dodici comuni, dove vi sono forti radici greche. In questa parte che gode di una forte cultura greca, il Salento assume un nuovo dialetto chiamato griko (greco moderno con espressioni neolatine) che si cerca di salvaguardare costantemente.

Il concetto di Grecia Salentina ha le sue origini proprio quando le truppe greche si introdussero nella penisola salentina. Una terra dove l’Italia si incontra amorevolmente con la Grecìa, per un’unione culturalmente magnifica che tutt’oggi fa sognare chiunque.