Scopri il Salento

RICHIEDI UN PREVENTIVO

Il Salento in 3 giorni: ecco cosa vedere

Icon 17 Marzo 2020

Una vacanza in Salento di 3 giorni offre ai turisti la possibilità di ammirare e scoprire luoghi meravigliosi. Un weekend più lungo del solito (dal venerdì alla domenica), un ponte sfruttato in maniera intelligente, alcune vecchie ferie da recuperare: sono tante le occasioni per cui organizzare un mini viaggio in Salento e restarne innamorati a vita.

Ecco le cose più belle da vedere durante un soggiorno di 72 ore in questa terra magnifica!

Giorno 1: alla scoperta di Porto Selvaggio

Porto Selvaggio è un’area naturale incontaminata capace di sorprendere chiunque visiti il Salento per la prima volta. Si estende sulla costa ionica, a pochi km da Gallipoli e distante circa 30 minuti d’auto da Lecce. Durante la stagione estiva, la destinazione più visitata dai turisti è la baia di Porto Selvaggio: una piccola spiaggia dal fondale basso e mare cristallino, che non ha nulla da invidiare ad altre spiagge italiane più famose.

Da non perdere anche Grotta Verde, Grotta Gaia e la baia di Uluzzo.

Giorno 2: il fascino di Otranto

Durante il secondo giorno il consiglio è di visitare l’affascinante Otranto, posizionata dall’altra parte della costa salentina. Pochi sanno che Otranto è la prima città a vedere sorgere il sole e, di conseguenza, è anche la prima a festeggiare il Capodanno (a questo proposito, si segnala l’evento Alba dei Popoli).

Otranto incanta per il caratteristico colore bianco delle case del suo centro storico, i deliziosi piatti tipici locali (tra cui le orecchiette al sugo) e la spettacolare Baia dei Turchi.

Giorno 3: Lecce, la capitale barocca del Salento

Scoprire le meraviglie artistiche e culturali di Lecce è il miglior modo per concludere la vacanza in Salento di 3 giorni.

Lecce è stata ribattezzata come la capitale barocca del territorio salentino, soprattutto per alcune opere di inestimabile valore come la Basilica di Santa Croce. In occasione della visita di Lecce, si consiglia di perdersi tra le piccole vie del centro storico, fare un tuffo nel passato ammirando l’Anfiteatro Romano e l’Abbazia di Santa Maria Cerrate, senza dimenticare il Duomo e il Castello di Carlo V.